A casa di “Vasco” in bici…siamo solo noi

Andiamo a Zocca…siamo solo noi

Una grigia mattinata di febbraio, il cielo minaccia pioggia e neve, che si fa?…Dai, mettiamo le bici in strada e andiamo a Zocca. L’inverno non ha ancora intenzione di mollare…eppure abbiamo voglia di pedalare, un pezzo per volta stiamo costruendo la strada verso la Sicilia. Anche solo un’ora pedalata diventa importante…oggi azzardiamo: kilometraggio medio/lungo e dsl.
Lucio, il giovane della compagnia, vuole andare a casa di Vasco.
Ci incontriamo a Castelvetro di Modena, al Bollicine caffè , punto baricentrico per eccellenza, considerato che che proveniamo da diverse località della provincia di Modena. Un saluto a Gianni, il nostro ciclobarista preferito, un caffè, un ultimo sguardo al cielo e, poi, si parte.
Scegliamo un percorso allenante: Via Palona, Campiglio e la fondovalle Panaro, un concentrato di saliscendi, cambi di velocità, in un continuo alternare 50 e 34…forza e agilità. Le gambe sono un poco restie, poi, si rassegnano. A poco a poco trovano il ritmo giusto e provano a divertirsi.
Non è che si vada forte ma il Garmin segnala un velocità superiore a quella del “bradipo”…è già un successo!
Dopo circa 20 km di saliscendi raggiungiamo Ponte Samone, inizia la salita vera e propria. Sono circa 6 km che ci condurranno a Samone; la strada sale regolare, le pendenze non superano mai il 7/8% , giuste per inizio stagione. Nessuno ha voglia di correre, impostiamo un bel “passo turistico” che ci permetta di chiacchierare, osservare il panorama e scattare un po’ di foto.

siamo solo noi

Eros e Lucio

siamo solo noi

io

Domina il bianco, la neve caduta nei giorni precedenti ha ricoperto colline, montagne e borghi. L’effetto neve è straordinario, attutisce i rumori, li rende “soffici” e quasi ammorbidisce la pedalata.

Intanto Lucio ride e, rivolto a me e Eros: “Son troppo contento…pensa se incontriamo Vasco in mtb…ci facciamo un selfie e lo mandiamo in giro per il mondo!”

Vasco, le canzoni

Vasco non è mai stato un mio “idolo”, non ho mai comprato un suo vinile o un cd, però, mentre salgo, ad ogni pedalata mi sovviene una sua canzone…”Siamo solo noi”, “Sally”, “Vita spericolata”, “Senza parole”, “Stupendo”, “Gli angeli”…e ciascuna la ricollego a un periodo, a un episodio, a una persona.
Mi rendo conto che la sua musica, le sue parole sono parte della colonna sonora della mia vita. Ci sono entrate in punta di piedi, senza fare rumore e ne sono divenute un elemento portante…Vasco è proprio un grande!

Zocca

Arriviamo a Samone, 6 km di salita son proprio volati via pensando a Vasco, alla sua musica e alla Sicilia Non Stop…che qua, in mezzo alla neve, sembra così lontana…

Ci separano da Zocca ancora 5 km; continuiamo a pedalare sempre più contornati dalla neve…la temperatura scende, pare di stare in un frigorifero!

siamo solo noi

Finalmente vediamo il cartello “Zocca”…è d’obbligo una sosta per un selfie e, manco a dirlo, c’è la fila! In attesa del nostro turno scambiamo due battute con un gruppo di ragazzi giunti da Como per vistare il paese di Vasco

siamo solo noi

siamo solo noi!

Proseguiamo verso Verucchia…ed eccoci dianzi alla casa del “Komandante”. Posizioniamo le nostre bici nella neve, 

siamo solo noi

a casa di Vasco

un paio di scatti, mi guardo intorno, non c’è nessuno…ci “Siamo solo noi”, ed ho come l’impressione che questo brano, le sue parole faranno ancora tanti km in bici insieme a  noi.

E’ ora di rientrare

Il cielo si fa sempre grigio, è tempo di rientrare. Scegliamo la strada più corta e veloce, scendiamo da Rosola 

siamo solo noi

Rosola

che merita sempre una sosta, giusto il tempo di uno scatto fotografico. Oggi, poi, circondato dalla neve, pare un luogo irreale, sospeso nel tempo quasi circondato da un’aura magica e misteriosa…vedi che, poi, a pedalare d’inverno non ci si imbatte solo nel gelo e nel grigio, ma si incontra anche tanta bellezza!

Al termine della discesa siamo di nuovo sulla fondovalle Panaro, affrettiamo la pedalata (si fa per dire!) poiché comincia a piovere. In breve arriviamo a Castelvetro, ci salutiamo e rientriamo ognuno verso la propria casa.

Un altro pezzo di strada verso la Sicilia è stato fatto; non sarà semplice ma ogni km percorso lo porteremo con noi e ci tornerà buono. Il tempo per pedalare non è molto ma la voglia e la determinazione sono immense…dai ce la possiamo fare!

Mentre scrivo questo post escono le previsioni meteo per i prossimi giorni, pare che saremo costretti a tenere al coperto le bici, si preannuncia pioggia, neve e gelo almeno sino a fine mese…inutile arrabbiarsi, utilizzeremo questo tempo per studiare le strade di Sicilia e per fare qualche camminata…noi in Sicilia ci si arriva comunque!

A questo link il giro Sassuolo – Zocca – Sassuolo 

Written, edited and posted by Cinzia Vecchi “Cinziainbici”

 

 

Print Friendly, PDF & Email

4 Replies to “A casa di “Vasco” in bici…siamo solo noi”

  1. Hai la capacità di rendere viva un’uscita in bici, che ogni giorno facciamo in tanti; la tua sembra speciale.Poi dicono che le parole non contano. Contenuto e forma, è il solito vecchio dilemma letterario. Il contenuto se ha una forma prende vita.
    Il tuo amico Lucio , assomiglia incredibilmente ad un mio vecchio amico e collega quando era giovane, se trovo una foto lo dimostrerò.
    ogni paesaggio ha la sua bellezza, in giro da solo oggi vedevo le isole Eolie, ma come sempre accade desideri, a volte, ciò che non hai e le foto della neve sono sempre bellissime.
    Riguardo le vostre velocità da bradipo ho i miei dubbi, da allenatore conosco i miei polli. Quando vado in bici mi passano tutti.
    Ultima annotazione, Vasco. Chiaramente lo conosco, ma non ridete tu ed Eros, gli autori più giovani che mi piacciono si chiamano Mahler e Puccini: nessuno è perfetto.
    Spero si colga il piacere di condividere, leggendo, il freddo che oggi avete preso!

    • Ti ringrazio Alfio per l’apprezzamento.
      Quanto alla “velocità bradipo” ti posso garantire che è proprio così: anche io vengo regolarmente sorpassata da tutti!
      E non rido affatto dei tuoi gusti musicali, Puccini piace molto anche a me e le sue opere sono ben presenti nelle mie raccolte di vinili e cd; Mahler lo conosco poco e mi sono sempre ripromessa di colmare questa lacuna.
      Per qualche giorno le biciclette le terremo a riposo, come da previsione è arrivata la neve…ma gli scarponi da trekking son già pronti…fermi non ci stiamo!
      Grazie ancora e a risentirci presto.